DogMan di Matteo Garrone [ITA]

in #ita3 years ago

Movie-Old-Retro-Film-Entertainment-Cinema-Reel-2233692.jpg


Da un paio di settimane è uscito al cinema il nuovo film di Matteo Garrone intitolato DogMan, presentato al Festival di Cannes dove ha riscosso molto successo dalla critica.
Garrone è un regista italiano famoso per aver portato sul grande schermo Gomorra tratto dall'omonimo libro scritto da Roberto Saviano.
Marcello Fonte l'attore che veste i panni del protagonista principale del film, è stato premiato per la miglior interpretazione maschile dalla giuria del festival.
Un grande riconoscimento per un attore che ha vissuto momenti difficili agli inizi della sua carriera.
Alla consegna del premio infatti ha ricordato il passato, dove ha dovuto come dice lui "fare qualsiasi lavoro" per poter tirare avanti.
Un esempio di umiltà e determinazione per raggiungere i propri sogni.

La trama è basata sulla storia vera del Canaro della Magliana a Roma, venuto alla ribalta per uno degli omicidi più macabri della storia italiana.
Infatti nel 1988 Pietro De Nigri (chiamato "er canaro" perchè aveva un negozio di toelettatura per cani) uccide l'ex pugile Giancarlo Ricci, dopo aver subito dallo stesso molteplici soprusi.
Il regista segue fedelmente la storia emersa dal processo con qualche modifica nel finale, per adattarlo al suo messaggio narrativo.
La parte più cruenta dell'omicidio è stata anche lei modificata per renderla visibile al pubblico....per chi è curioso può cercare i dettagli della tortura descritta dal De Nigri (anche se dopo perizie ci sono dei dubbi sui fatti effettivamente successi in quel giorno).
I riferimenti dei personaggi e dei luoghi sono stati chiaramente omessi o camuffati, infatti nel film non viene mai nominato il nome reale del quartiere e dei protagonisti.

L'ambientazione desolata fa da sfondo alla dura vita di un quartiere dove il più forte ha la meglio sul più debole, un pò come la legge della natura.
In questa Giungla si incrociano le vite di Marcello (Marcello Fonte), proprietario di un negozio di toelettatura per animali, divorziato e con una figlia a carico; Simone (Edoardo Pesce) ex pugile con un carattere difficile odiato da tutto il quartiere per i suoi continui "colpi di testa".
Droga, alcol, rapine, un rapporto basato sulla paura del più debole di possibili ripercursioni, che naufraga dopo una rapina dove Marcello per coprire il compagno finirà in galera per un anno, da li in poi non sarà più come prima.
Un escalation di soprusi cambiano le carte in tavola ed improvvisamente la paura si trasforma in rabbia, per poi sfociare nella vendetta.

Il regista ha scelto questa storia per raccontare una situazione di vita sociale molto comune, che in molti casi si conclude con questi eventi tragici.
Un uomo, con molti problemi (anche di droga), è riuscito a costruirsi una figura rispettata all'interno della vita del quartiere, fino al giorno in cui tutto questo non c'è più.
Il rispetto degli altri all'improvviso scompare, per colpa dell'uomo che lo ha sempre maltrattato e che tutti odiano.
Un misto di rabbia e di rivalsa porta il protagonista a compiere un gesto di cui non si pentirà mai, con la convinzione di fare del bene alla comunità cosi da essere reintegrato.
La scena finale esprime tutto lo stato d'animo che ha spinto l'uomo a commettere quella l'azione.
Un film molto profondo che fa riflettere su una tematica sempre d'attualità. Il mio voto per questo film è molto alto!!!

FONTI:


https://www.mymovies.it/film/2018/dogman/
https://it.wikipedia.org/wiki/Matteo_Garrone


foto1 - Immagine CC0 Creative Commons

Sort:  

Conoscevo solo per fama questo fatto, ed ho seguito con molto interesse il tuo racconto, ed ho appreso le reali dinamiche di questo tragico delitto.
Ottimo lavoro questo da te realizzato, complimenti.

Io sinceramente prima del film nn conoscevo questa storia. Per fortuna la parte della tortura è stata riadattata. Se te la ricordi bene fa venire i brividi...