La Torre 56 Leonard Street nel Quartiere di TriBeCa [ITA]

in #ita3 years ago

One_World_Trade_Center_2016_12_23_0143.jpg


Nel centro del Quartiere Vip di TriBeCa sorge la lussuosissima Torre residenziale 56 Leonard Street progettata dall'importante Studio di Architettura Svizzero Herzog&De Meuron.
Un grattacielo alto quasi 250 metri che svetta nel cielo di uno dei quartieri più lussuosi di Manhattan.
La costruzione viene anche denominata Torre Jenga in quanto la sua forma ricorda proprio la Torre in blocchi di legno dell'omonimo gioco Giapponese conosciuto in tutto il mondo.
Nella progettazione lo Studio di Herzog&De Meuron è stato affiancato all'Architetto Tedesco Ascan Mergenthaler.
La collaborazione tra le due parti è durata per 11 anni, dal 1998 al 2009 ed oltre a questo progetto Mergenthaler ha contribuito tra l'altro alla realizzazione del De Young Museum nel Golden Gate Park di San Francisco ed il Parrish Art Museum nel Water Mill.
Lo Studio Svizzero oltre agli innumerevoli Grattacieli e Musei costruiti in tutto il mondo ha progettato Stadi importanti come l'Alliaz Arena di Monaco, lo Stadio Nazionale di Pechino per le Olimpiadi del 2008 e nel 2015 in occasione dell'Expo di Milano ha realizzato il Padiglione Slow Food ospitato nella piazza della biodiversità.

Expo_2015_Milano_-_Slow_Food_Pavilion.jpg
Padiglione Slow Food Expo 2015

La realizzazione del 56 Leonard Street è stata resa possibile grazie alla cessione dello spazio aereo da parte della New York Law School.
Dal 1970 a New York gli Spazi Aerei sono stati messi a disposizione delle Banche sotto forma di risorsa che può essere ceduta.
L'acquisizione di questo spazio a permesso all'edificio di diventare la costruzione più alta di tutta la zona, la prima Torre Residenziale di queste dimensioni.

Il costo totale dell'opera supera ampiamente il Miliardo di Dollari ed ospiterà 135 appartamenti di lusso.
Gli appartamenti di ogni piano sono costituiti da una blocco di vetro disposti in modo da non coprire la visuale l'uno all'altro.
Questi blocchi sono ancorati su telai in acciaio e sporgono fino a qualche metro oltre proprio dalla struttura principale.
Questa disposizione dei diversi appartamenti conferisce alla Torre questa particolare forma che di certo non passa inosservata.
Per la scelta delle colorazioni si è optato per una soluzione a contrasto tra l'interno e l'esterno infatti come è possibile vedere dalla foto iniziale, per le parti esterne ed gli appartamenti è stato scelto il bianco invece nelle parti comuni interne i colori più usati sono il nero ed il grigio.
Al piano terra, nell'ingresso, è stata installata una scultura di Anish Kapoor, un'Architetto e Scultore Britannico conosciuto per la particolarità delle sue Opere.
**Kapoor utilizza materiali come marmo, granito, gesso...per realizzare delle sculture dalle forme geometriche ma allo stesso tempo biformi con una superficie specchiante che riflettono la luce.
Un esempio è lo Sky Mirror at Rockefeller Center realizzato in acciaio luccicante che riflette la figura capovolta dello stesso grattacielo con un gioco di luci unico.

442px-Sky_Mirror_at_Rockefeller_Center_01.jpg
Sky Mirror at Rockefeller Center

La Torre oltre alla componente estetica che lo rende uno dei grattacieli più particolari al mondo, è dotato di tutte le tecnologiche lo rendono un esempio di sostenibilità energetica. Ogni appartamento produce e gestisce tutta l'energia necessaria alla vita quotidiana dei propri residenti.

Un grande progetto, realizzato da uno dei più grandi Studi di Architettura Mondiale, che cerca di combinare nuove forme e tecniche costruttive, volto allo sviluppo di nuove filosofie architettoniche.

FONTI:


https://www.herzogdemeuron.com/index.html
https://it.wikipedia.org/wiki/Herzog_%26_de_Meuron
http://www.abitare.it/it/architettura/progetti/2018/02/26/herzog-de-meuron-grattacielo-manhattan-2/


foto1 - Immagine CC2 Creative Commons
foto2 - Immagine CC4 Creative Commons
foto3 - Immagine CC3 Creative Commons